LE OTTO COSE DA RICORDARE QUANDO VA TUTTO MALE…


1. IL DOLORE FA PARTE DELLA CRESCITA.
A volte la vita chiude le porte perché è ora di muoversi. Spesso non lo facciamo se non siamo costretti di farlo. Ricordate che nessun dolore arriva senza uno scopo. Siate pazienti, e muovetevi… allontanatevi dal dolore ricordando la sua lezione. Tutto si aggiusterà; forse non subito, ma alla fine. Ci sono due tipi di dolore: quello che ferisce e quello che vi cambia. Aiutate a quest’ultimo a farvi crescere.

2. TUTTO NELLA VITA E’ TEMPORANEO.
Le piogge finiscono, le ferite guariscono, dopo il buio viene sempre la luce: ve lo ricorda ogni mattina. Nulla dura in eterno. Se ora va tutto bene, godetevelo, non durerà per sempre. Se va tutto male, non preoccupatevi, non sarà per sempre. Ogni istante fa nascere un nuovo inizio e una nuova fine.

3. LE ANSIE E LE LAMENTELE NON CAMBIERANNO NIULLA.
Coloro che si lamentano sempre ottengono poco. E’ sempre meglio cercare di fare qualcosa di grande e fallire piuttosto che cercare di avere successo senza fare nulla. Se credete in qualcosa, continuate a tentare. Ricordatevi che la vera felicità arriverà quando smetterete di lamentarvi e inizierete a essere grati per tutti quei problemi che non avete.

4. LE VOSTRE CICATRICI SONO I SEGNI DELLA VOSTRA FORZA.
Una cicatrice significa che il dolore non c’è più, e la ferita è guarita. L’avete sconfitto, traendo una lezione, e siete andati avanti. Una cicatrice è un tatuaggio della vostra vittoria. Rumi aveva detto: “Attraverso la cicatrici la luce entra in voi.”

5. OGNI PICCOLA VITTORIA E’ UN PASSO IN AVANTI.
La pazienza non è uguale all’attesa; è la capacità di mantenere il buon umore lavorando per i vostri sogni. Andate avanti fino alla fine, altrimenti un solo inizio non ha alcun senso. Probabilmente, per un po’ di tempo non mangerete cose alle quali siete abituati, non dormirete quanto vi basta.. potreste essere derisi, potreste restare soli. Ma la solitudine è un regalo che rende possibili molte cose, avrete lo spazio di cui avete bisogno. Tutto il resto è un test della vostra pazienza. Vi sentirete meglio con ogni nuovo passo, capendo che la lotta non è un ostacolo sul cammino, E’ il cammino.

6. UNA REAZIONE NEGATIVA DEGLI ALTRI NON VI RIGUARDA.
Sorridete quando cercano di vincervi, è un facile modo per dare sostegno al proprio entusiasmo. Continuate ad essere se stessi. Non permettete ai discorsi degli altri di cambiarvi. La gente sparlerà sempre, indipendentemente da ciò che state facendo. La grande forza arriva con il superamento dell’impossibile.

7. SUCCEDERA’ CIO’ CHE DEVE SUCCEDERE.
Iniziate a sorridere e ad apprezzare la vostra vita. In ogni lotta che state facendo ci sono delle velate benedizioni, ma dovete tenere aperti il cuore e la mente per poterli vedere. In un certo momento, dovrete lasciare andare la situazione e permettere di succedere a ciò che deve accadere. Fidatevi dell’intuito, rischiate, perdete e ritrovate la felicità… alla fine arriverete laddove dovevate arrivare.

8. CONTINUATE A MUOVERVI.
Non abbiate paura di arrabbiarvi, non abbiate paura di amare di nuovo, non permettete che le crepe nel cuore diventino le cicatrici. Ricordate di non aver bisogno di molta gente nella vita, e non cercate di avere tanti “amici”. L’Universo fa sempre ciò che crede giusto. Se avete torto, riconoscetelo, e traetene una lezione.Voltatevi indietro, vedete ciò che avete fatto e siate orgogliosi di voi stessi. Non cambiate per nessuno se non volete farlo. Fate di più, vivete in modo semplice, senza smettere mai di andare avanti.

Advanced Mind Institute
La via del Transurfer – https://faregruppo.blogspot.it

I VELENI PSICOLOGICI… E COME SALVARSI

23/04/2017

Tutte le nostre malattie, incidenti, la rabbia e la scontentezza della vita sono il risultato dei veleni informazionali che occupano la psiche.
– Ti sei ammalato. Come mai? Il giorno prima qualcuno ti ha mosso delle accuse.
– Sei scivolato e ti sei preso un colpo. Come mai? Perché un’ora prima qualcuno ti ha criticato ingiustamente.
– Senti una forte stanchezza e non vuoi vivere perché un membro della famiglia ti offende continuamente.
– Sei spaventata e hai paura di fare anche una cosa semplice, perché qualcuno ha detto che sei buona a nulla.

Sei debole. Sei stato vinto. La tua anima è sotto l’occupazione.

I veleni psicologici minano il sistema immunitario. Purtroppo, non puoi impedire alla gente di criticarti, ma puoi non ascoltarla. Significa, non pensare a ciò che senti, non fartelo entrare nella testa.

Basta saper fare due cose:
1. Riconoscere il veleno.
2. Impedire che entri nella testa. Questa è una cosa un po’ più difficile. Per questo nella tua testa devono esserci due blocchi:
“PROVO UNO SCONFORTO, SIGNIFICA CHE NON MI SERVE” + “BUGIA/NON MI INTERESSA.” Occorre ricordare che non sono parole da pronunciare a voce alta, sono dei blocchi per il cervello.
Puoi rispondere da persona educata, ma la tua anima deve restare pulita a causa delle porte che chiudono:
“Provo uno sconforto, significa che non mi serve. Bugia. Non mi interessa.”

– Qualcuno ti ha offeso: “PROVO UNO SCONFORTO, SIGNIFICA CHE NON MI SERVE”
– Qualcuno si è offeso a causa tua: “PROVO UNO SCONFORTO, SIGNIFICA CHE NON MI SERVE”
– Le Notizia in TV creano angoscia: “NON MI INTERESSA.”

Ancora più sicuro costruire la vita secondo il principio dello SPECCHIO. Essere consapevole di un solo principio: “IO NON TRATTO MAI COSI’ LE PERSONE” ti dà’ il diritto di rifiutare le stesse cose da parte degli altri.
Le regole:

– Non criticare – non ascoltare le critiche
– Non accusare nemmeno nel pensiero – non provare il senso di colpa
– Non offendere – non ti offendere
– Non spaventare – non aver paura
– Non abbassare l’autostima degli altri – non ascoltate coloro che vogliono abbassare la tua
– Non indicare agli altri i loro difetti – non farci caso se ti indicano i tuoi
– Non creare programmi distruttivi per gli altri – non permettere di costruirli per te.

E tenendo conto del fatto che la parola “NO/Non” non è percepita dal subconscio, le altre regole SPECULARI sono queste:

– Approva!
– Comprendi i motivi dei cattivo comportamento degli altri!
– Proteggi la psiche degli altri!
– Tranquilizza!
– Aumenta l’autostima degli altri!
– Se lo sai fare, manda agli altri dei programmi positivi, osservando due condizioni: a) devono essere positivi dal loro punto di vista e non dal tuo; b) non devono contenere nessuna cattiveria riguardo ai terzi.

(aum.news)

Advanced Mind Institute Italia

La via del Transurfer – https://faregruppo.blogspot.it

Il sano egoismo

6 LUGLIO 2016

 

(Immagine presa dal web)
Oggi voglio parlarvi di egoismo, quello sano però. La nostra società, basata sulla religione, i sensi di colpa e il peccato, ci ha insegnato che il pensare a se stessi sia direttamente riconducibile ad una forma di egoismo. Di conseguenza, guai a guardarsi allo specchio, subito si sarà accusati di narcisismo. A volersi bene poi…. Molti ti diranno che, magari, non hai altro di meglio da fare.
Del resto, dopo anni di manipolazioni e torture psicofisiche inflitte dai ministri di culto dei differenti credo religiosi, non c’è da meravigliarsi se è venuta fuori un’umanità che ha rinnegato le proprie origini divine per cercare fuori ciò che non potrà mai avere: LA LIBERTA’.
Fintanto che si tenderà a guardare fuori, a pensare al bene della collettività e mai a se stessi, sarà normale vivere con quel senso di mancanza proprio di chi non si dedica a se stesso prima che agli altri. Con ciò non dico che è sbagliato aiutare gli altri o fare volontariato, non sono contro ciò e me ne guarderei bene!
Vi sto solo invitando a dedicarvi a voi stessi, alla vostra salute, a coltivare i vostri interessi, praticare sport, alimentarvi bene, vivere delle relazioni sociali e sentimentali sane… In una parola, vi sto invitando ad AMARVI. Solo amando se stessi, infatti, si potranno amare tutte le altre creature esistenti, piante, animali e minerali compresi, NON PRIMA.
(Immagine presa dal web)
Chi ci ha insegnato a non amarci lo ha fatto perchè, a mio avviso, non ha mai imparato ad amare se stesso e, facendo ciò, ha rinunciato a vivere da persona felice e realizzata, condannando a vivere in questo modo tutte le persone che lo hanno seguito. I ministri di culto di diverse religioni effettuano spesso delle castrazioni psichiche, basta vedere le donne costrette, in certi contesti caratterizzati da forme di estremismo religioso, ad indossare il burka.
Certamente Gesù non ci ha insegnato che la Vita è sofferenza o peccato, gli uomini lo hanno fatto! Nessuno ha il diritto di rendere infelice un’altra persona, tuttavia le religioni hanno oppresso e represso per millenni il genere umano, torturando, denigrando, bruciando, umiliando, uccidendo tutti coloro i quali erano contrari a professare una religione piuttosto che un’altra.
(Immagine presa dal web)
Bisogna praticare un pò di sano egoismo ogni giorno. Esso servirà da esempio per chi ci sta intorno perchè non mancherà di notare il nostro aspetto rilassato e ben curato, il nostro modo di essere, muoverci e vestire, in una parola, vedrà dei cambiamenti in noi e ne rimarrà colpito positivamente. Solo se ci si ama SINCERAMENTE si potrà, in un secondo tempo, MAI prima, amare gli altri, estendendo questo amore prima verso i propri familiari e poi verso il creato intero.
Non sentitevi in colpa se dedicate 3 o più giorni la settimana all’attività fisica, se vi alimentate in maniera naturale e avete ridotto il consumo di alimenti di origine animale e prodotti conservati. Piuttosto siate fieri di voi stessi, dite a tutti quando andate alla SPA per rilassarvi, insegnate agli altri come fare ad amare se stessi, queste cose il prete non ve le dirà e forse nemmeno i vostri familiari, in quanto nessuno le ha insegnate loro.
(Immagine presa dal web)
Superate i vostri limiti e convinzioni, imparate a guardarvi allo specchio ed essere felici di ciò che rifletterà, AMATEVI INCONDIZIONATAMENTE fregandovene, al contempo, di quello che gli altri potranno pensare di voi. Dopotutto LA VITA E’ VOSTRA, NON DEGLI ALTRI, IL CORPO E’ VOSTRO, NON DEI VOSTRI EDUCATORI, PRETI, GENITORI, AMICI, quindi custoditelo ed amatelo se fino ad oggi non lo avete fatto, nessun altro, del resto, può farlo per voi.
Da oggi, quindi, smettete di sentirvi in colpa solo perchè vi amate. Insegnate agli altri l’amore per se stessi. Questa è, a mio avviso, la forma più grande di amore verso il prossimo che si possa trasmettere dopo il dare amore: INSEGNARE AGLI ALTRI AD AMARE SE STESSI. 
Vincenzo Bilotta
 

Non sei depresso, sei distratto

28 OTTOBRE 2015

Il testo che segue fu scritto da Facundo Cabral:
Non sei depresso, sei distratto, ignaro della vita che ti popola. Inavveduto della vita che ti circonda: delfini, boschi, mari, montagne, fiumi. Non cadere dove cadde tuo fratello, che soffre per un essere umano quando al mondo ce ne sono 5.600 milioni.
Foto del cantautore Facundo Cabral
Inoltre vivere da soli non è poi cosí male. Io sto bene, decido ogni momento ciò che desidero fare e grazie alla solitudine mi conosco: fondamentale per vivere.
Non cadere dove è caduto tuo padre, che si sente vecchio perché ha 70 anni, dimenticando che Mosè guidava l’esodo a 80 anni e Rubinstein interpretava come nessuno Chopin ai 90. Solo per citare due casi noti.
Non sei depresso, sei distratto, per questo credi d’aver perso qualcosa, ma è impossibile, perché tutto ti fu dato. Non hai creato nemmeno un capello della tua testa quindi non puoi essere padrone di nulla. Inoltre la vita non ti priva di cose ma ti libera, di cose. Ti alleggerisce affinché tu possa volare più in alto, affinché tu raggiunga la pienezza. Dalla culla alla tomba è una scuola, per questo quelli che chiamiamo problemi sono lezioni.
Non hai perso nessuno, chi è morto semplicemente ci ha anticipati, perché è lí che andiamo tutti. Inoltre il meglio di questa persona, l’amore, si perpetua nel tuo cuore. Chi potrebbe dire che Gesù è morto? Non c’é morte: c’é trasloco. E dall’altra parte ti attende gente meravigliosa: Gandhi, Michelangelo, Whitman, Sant’Agostino, Madre Teresa, tua nonna e mia madre che credeva che la povertà è piú vicina all’amore, perché il denaro ci distrae con troppe cose e ci allontana perché ci fa essere diffidenti.
Fai solo ciò che ami e sarai felice, colui che fa ciò che ama è benedettamente condannato al successo il quale arriverà quando deve arrivare, perché ciò che deve essere sarà, e arriverà naturalmente. Non fare nulla per obbligo né per compromesso, bensì per amore. Allora ci sarà pienezza e in questa pienezza tutto è possibile. Non ci sarà sforzo perché è la forza naturale della vita a muoverti, quella che mi ha sostenuto quando cadde l’aereo con mia moglie e mia figlia; quella che mi mantenne vivo quando i medici mi diagnosticarono 3 o 4 mesi di vita.
Dio ti mise a carico un essere umano, sei tu stesso. Devi farti libero e felice, poi potrai condividere la vera vita con gli altri.
Ricorda Gesù: “Ama il prossimo tuo come te stesso”. Riconciliati con te stesso, mettiti davanti allo specchio e pensa che questa creatura che stai vivendo è opera di Dio; decidi ora stesso di essere felice perché la felicità si impara.
Inoltre, la felicità non è un diritto ma un dovere, perché se non sei felice, amareggi tutti quelli che ti amano. Un solo uomo che non ebbe né talento né coraggio per vivere, fece ammazzare sei milioni di fratelli ebrei.
Ci sono tante cose per le quali gioire e il nostro passaggio sulla terra è cosí breve che soffrire è una perdita di tempo. Possiamo gioire della neve dell’inverno e dei fiori della primavera, del cioccolato di Perugia, della baguette francese, dei tacos messicani, del vino cileno, dei mari e dei fiumi, del calcio dei brasiliani, delle Mille e una Notte, della Divina Commedia, del Don Chisciotte, di Pedro Páramo, dei boleros di Manzanero e delle poesie di Whitman, di Mahler, di Mozart, Chopin, Bethoven, Caravaggio, Rembrant, Velásquez, Picasso e Tamayo fra le tante meraviglie.
E se hai il cancro o l’AIDS, possono succederti due cose ed entrame sono buone; se vieni vinto, ti liberi del corpo che è così fastidioso: ho fame, ho freddo, ho sonno, ho voglia, ho ragione, ho dubbi…E se vinci tu, sarai umile, più riconoscente, per questo facilmente felice. Libero dal tremendo peso della colpa, della responsabilità, della vanità, disposto a vivere ogni istante profondamente, come deve essere.
Foto di una bambina sorridendo
Non sei depresso, sei sfaccendato. Aiuta il bambino che ha bisogno di te, questo bambino sarà amico di tuo figlio. Aiuta gli anziani, i giovani ti aiuteranno quando lo sarai. Inoltre, il servizio è una felicità sicura, come gioire della natura e prendersene cura per chi verrà. Dai senza misura e ti verrà dato senza misura.
Ama fino a diventare l’amato, e ancor più fino a diventare l’amore stesso. Che non ti confondano assassini e suicidi, il bene è in maggioranza ma non si nota perché è silenzioso, una bomba fa più rumore che una carezza, ma per ogni bomba ci sono milioni di carezze che alimentano la vita.

COME MANTENERE UNO STATO DI VIBRAZIONE POSITIVA

Inizia a fare spazio nella tua vita per la bellezza e l’abbondanza che ti spettano di diritto. Ricorda quanto sei potente. Non è abbastanza sognare e desiderare; devi davvero essere disposto ad agire sia a livello interiore che esteriore nella direzione della creazione della vita dei tuoi sogni.
Devi anche essere abbastanza costante e disciplinato da seguire i rituali quotidiani che ti manterranno in uno stato di vibrazione positiva, controparte del futuro che desideri. Dunque, prenditi l’impegno di fare queste cose ogni giorno. Integra questi rituali nella tua routine quotidiana:

1. Inizia ogni giornata dedicando almeno 5 minuti alla concentrazione della mente su desideri, obiettivi e intenzioni. Mettiti comodo, chiudi gli occhi e visualizza tutti gli obiettivi e i desideri come se fossero già realtà. Senti davvero dentro di te le emozioni di quella realtà. Visualizza la giornata nel modo esatto in cui vorresti andasse.

2. Utilizza i tuoi strumenti ogni giorno. Libri delle visioni, diario della gratitudine, simbolo della gratitudine e affermazioni ti forniranno tutti un’ispirazione esteriore tangibile e sposteranno in maniera
positiva il tuo campo energetico. Impegnati a utilizzare davvero questi strumenti quotidianamente, e applicali nella tua vita.

3. Inizia a prestare attenzione a quanto spesso durante la giornata hai delle risposte emotive che non sono allineate con il tuo scopo o con la creazione della vita che desideri. Ogni volta che ti accorgi di ciò, agisci. Cambia pensieri e sensazioni, rivolgendoti a quelli che costituiscono una controparte vibrazionale adatta a ciò che vuoi attrarre. Rimani concentrato sulle cose che ti arrecano gioia, e mantieni positive le tue aspettative.

4. Ricorda l’importanza della gratitudine e della riconoscenza in tutte le aree della vita. Prenditi del tempo, ogni giorno, per collegarti a Dio e a te stesso.

5. Intraprendi ogni giorno delle azioni che siano allineate con il tuo scopo, gli obiettivi e i desideri. Sii consapevole e attento. Agisci a seconda delle idee inspirate. Fidati delle tue emozioni e delle tue
intuizioni. Presta attenzione e rispondi ai feedback che esse ti inviano. Fai ogni giorno dei passi avanti verso i tuoi sogni.

6. Riconosci che la Legge d’Attrazione opera nella tua vita. Riconosci le prove del suo effetto e ringrazia. Più lo farai, più essa funzionerà, semplicemente. Rimani saldo rispetto al tuo scopo e alla visione che hai creato per il futuro, e aggrappati a essi con tutto te stesso. Mantieni ogni tua azione in allineamento con tuo scopo ultimo, e mantieni pure le tue intenzioni. Attrarrai cose incredibili e belle.

Dunque, non temere, divertiti e sii disposto ad assumerti alcuni rischi. Punta in alto, e sappi che l’Universo ti sostiene in ogni modo.

(Jack Canfield – La Chiave della Legge di Attrazione)

http://faregruppo.blogspot.it/2015/08/come-mantenere-uno-stato-di-vibrazione.html

Avere chiaro il proprio Omega

 
Nell’alfabeto greco Alfa è la prima lettera, Omega l’ultima. Essi possono avere diversi significati analogici. Oggi voglio parlare in particolare della lettera Omega e delle sue applicazioni a nostro vantaggio nel processo di focalizzazione dei nostri obiettivi. Nella Vita è importante avere chiari i propri obiettivi al fine di concentrarvi le energie che permetteranno di raggiungerli.
Il problema è che molte persone avrebbero pure degli obiettivi ma non hanno sviluppato la capacità di mantenere l’attenzione focalizzata in direzione della loro realizzazione. In altre parole, queste persone tendono a perdere di vista, a non avere chiaro il proprio Omega.
Avere chiaro cosa si vuole realizzare, dove si vuole arrivare, nel corso della propria Vita è di FONDAMENTALE importanza al fine di non perdersi cammin facendo nei meandri insidiosi di una mente incontrollata. Tenere il proprio sguardo fisso all’orizzonte per non perdere mai di vista il proprio Omega ci consentirà di non perderci nelle nebbie delle indecisioni quando si naviga nel mare in tempesta agitato dalla nostra stessa paura di non farcela.
Manifestare con chiarezza i propri obiettivi è sicuramente il primo passo ma, per evitare di disperdere energie e risultare incoerenti, bisogna anche focalizzare la propria attenzione e gran parte della propria giornata in direzione dell’obiettivo stesso.
Vivere avendo chiaro il proprio Omega e mantenendo la propria attenzione COSTANTEMENTE focalizzata su di esso, ci consentirà di dirigere maggiori energie verso l’obiettivo prefissato avvicinandoci, al contempo, alla meta prestabilita. Tutto il resto verrà da se in quanto, come già sapete (vedi mio articolo La legge dell’attrazione), IL PENSIERO CREA LA REALTA’. Cos’è il pensiero? ENERGIA PURA CHE CONDENSA LA MATERIA.
Spetta a noi, ovviamente, decidere cosa fare materializzare nella nostra realtà attraverso il pensiero. Dopo aver conosciuto la potenza racchiusa dietro ad un pensiero, è necessario mantenere il proprio focus su di esso. Al resto ci penserà la legge dell’attrazione facendo sì che i pensieri ai quali abbiamo dato più energia si materializzino, facendoci ottenere ciò su cui ci saremo focalizzati in maniera prevalente.
Ecco perchè è così importante pensare nel modo giusto mantenendo, al contempo, la propria attenzione focalizzata sul proprio Omega! Solo in questo modo si eviteranno inutili dispersioni di energie nonchè “regali” indesiderati. Cosa volete di più dalla vostra Vita? Ve lo siete mai chiesti?
E’ importante porsi le giuste domande nella Vita, avendo coscienza che solo così si potranno realizzare i propri sogni. Le domande, infatti, aiutano a rendere chiari i propri obiettivi e a dirigere il proprio focus nella direzione giusta, quella che ci farà raggiungere il nostro Omega nel minor tempo possibile col minimo dispendio energetico.
Se, viceversa, non si hanno chiari i propri obiettivi nè, tantomeno, il proprio Omega, ci si sentirà svuotati quanto demotivati e si rischierà di rimanere fermi allo stesso punto per parecchio tempo, se non per tutta la Vita. Voi avete una Vita da sprecare? Spero di no! Mi auguro abbiate la forza di trovare le vostre motivazioni che vi spingano a raggiungere il vostro Omega per poter vedere finalmente realizzato ciò che vi sta più a cuore.
E’ tutto questione di strategia, non solo di focus. Bisogna cominciare col porsi la giusta domanda perchè, attraverso di essa, si stimolerà il proprio cervello a dare una risposta che verrà estratta dal proprio subconscio. E’ nel subconscio, infatti, che conserviamo i nostri sogni, i progetti che intendevamo realizzare fin da bambini e, in generale, tutto ciò che ci potrà dare il giusto stimolo per vivere e realizzare appieno le proprie potenzialità.
A ciascuno il proprio Omega quindi. Solo avendo chiaro il punto di arrivo si potrà conoscere l’esatta distanza percorsa fino a quel momento dal punto di partenza sprecando meno risorse energetiche possibili. Quando si crede in qualcosa, bisogna andare avanti per la propria strada senza sentire le altrui ragioni. Ricordatevi bene: CI SARA’ SEMPRE QUALCUNO CHE AVRA’ QUALCOSA DA RIRIDE, QUALSIASI AZIONE VOI COMPIATE. TANTO VALE FARE CIO’ CHE VI PIACE, LA GENTE AVRA’ COMUNQUE QUALCOSA DA OBIETTARE.
Una volta che ci si pone la domanda giusta e ci si focalizza sul proprio Omega, non si conosceranno ostacoli nè limitazioni di sorta in quanto, proprio in quel momento, si sarà attinto al massimo potenziale energetico disponibile ad ogni essere umano quando è in linea col proprio obiettivo. Buon focus e buona Vita!
Vincenzo Bilotta

http://vincenzobilotta.blogspot.it/2014/06/avere-chiaro-il-proprio-omega.html

11 Promesse che Devi Fare a Te Stesso


Quando si diventa il migliore amico di se stessi, tutto diventa più facile.

La vita non è sempre e soltanto arcobaleni e farfalle, lo sappiamo bene. Può essere molto difficile a volte.

E nei momenti più duri, spesso l’unica persona su cui puoi fare realmente affidamento sei tu stesso. In queste circostanze hai bisogno di esprimere il meglio che è in te e per riuscirci devi essere in grado di trovarti in equilibrio, in perfetta sintonia con il tuo io, con i tuoi valori e con i tuoi obiettivi.

Prometti a te stesso di non arrenderti di fronte agli ostacoli, di combattere, di ridere più forte e più a lungo e di affrontare a viso aperto le avversità che si presenteranno lungo il tuo percorso.

Fai queste promesse a te stesso, e mantienile sempre.

1. “Prometto di non utilizzare il passato contro me stesso.”

I tuoi problemi, le tue debolezze, le tue battute d’arresto, i rimpianti e gli errori possono essere i tuoi migliori insegnanti, se sei disposto ad imparare. Non temerli, lascia che ti illuminino la via con le lezioni che ti impartiscono, ogni giorno. Prendi tutto come un’occasione di apprendimento. Se sei pentito di alcune delle decisioni che hai preso in passato, non essere duro con te stesso. A quel tempo hai fatto del tuo meglio prendendo la decisione che ritenevi più appropriata sulla base delle conoscenze che avevi. Se oggi forse faresti una scelta diversa e’ perché nel frattempo sei cambiato tu, le tue conoscenze e il mondo che ti circonda. Il tempo e l’esperienza sono un modo meraviglioso di aiutarci a crescere e imparare a fare scelte migliori per noi stessi e per coloro a cui vogliamo bene.

2. “Prometto di assumermi la piena responsabilità della mia vita.” 
Forse dalle persone che gravitano intorno a te sei abituato a sentire che se le cose non vanno per il meglio la colpa e’ dei genitori, degli insegnanti, del governo, della società e cosi’ via, ma la colpa non e’ mai di noi stessi, vero? Le cose a mio avviso non stanno propriamente in questo modo. Sei non sei soddisfatto della piega che ha preso la tua esistenza, la responsabilità è soltanto tua. Perché se davvero vuoi cambiare, se davvero vuoi realizzare qualcosa di diverso, tu sei l’unica persona che può farlo accadere. La mossa da compiere e’ nelle tue mani, e’ una responsabilita’ tua e di nessun altro.

3. “Prometto di parlare a me stesso in modo gentile e incoraggiante.”
Aspetta un momento: che cosa hai appena detto a te stesso? Si trattava di parole di incoraggiamento, come faresti con un amico? Oppure si trattava di osservazioni sprezzanti o giudizi taglienti che non riserveresti neppure al tuo peggior nemico? Ogni giorno ciascuno di noi in modo estremamente silenzioso parla con se stesso. E una parte di noi crede ciecamente a ogni singola parola di ciò che ci diciamo. Quindi presta attenzione e domandati sempre: “Se avessi un amico che mi parlasse sempre nello stesso modo in cui io parlo a me stesso in questo momento, per quanto tempo ancora permetterei a questa persona di essere mio amico?” 

4. “Prometto di ascoltare ciò che il mio cuore e il mio istinto mi comunicano.”
Quando qualcosa ti sembra giusto, con tutta probabilità cio’ significa che si tratta di qualcosa di giusto per te. E se nel profondo senti che qualcosa non va, probabilmente si tratta di qualcosa che non va bene per te. Presta attenzione ai tuoi sentimenti più autentici, e segui dove ti conducono. Quando segui la tua voce interiore, anche quelli che prima semravano dei muri diventano delle porte pronte ad aprirsi.

5. “Prometto di vivere la vita che sento essere giusta per me, non la vita che sembra essere giusta per gli altri.”

Concediti il permesso di seguire il percorso che ti rende felice. E renditi conto che alcune persone nella tua vita si dissoceranno da alcune tue scelte; semplicemente non approveranno, ma anche questo è OK. A volte, quando ti impegni a creare la tua felicità, finisci per scontrarti con le percezioni degli altri. A volte, quando si guadagna qualcosa di grande, si deve lasciare andare qualcos’altro . E a volte questo ‘qualcosa’ è un rapporto che vuole solo che tu faccia quello che vogliono gli altri, non cio che tu desideri.

6. “Prometto di non alimentare i rapporti che compromettono il mio benessere.”

La maggior parte delle persone entra nella tua vita anche solo per un breve periodo di tempo semplicemente per insegnarti qualcosa. Vengono e vanno e fanno la differenza. E va bene che non siano più nella tua vita. Non tutte le relazioni sono durature, ma le lezioni che puoi trarre da queste relazioni potrai portarle con te per tutta la vita. Se si impara ad aprire il cuore e la mente, chiunque, comprese le persone che alla fine non saranno più nella tua vita, ti può insegnare qualcosa di utile.

7. “Prometto di non consentire a nessuna situazione di togliermi in modo permanente il mio sorriso.”

Anche quando i tempi sono duri, prendi un momento di pausa e ricorda chi sei. Prenditi un momento per riflettere sulle cose che hanno un significato reale e duraturo nella tua vita. Focalizzati su ciò che rende la tua vita più piacevole e ricca di significato, su ciò che hai conquistato e difeso con i denti. Nulla in questo mondo è più bello e potente di un sorriso che ha lottato tra le lacrime. Chiunque può essere felice quando i tempi sono facili. Ci vuole una forte consapevolezza e una salda armonia interiore per sorridere in situazioni in cui ci sarebbe da piangere. Non importa quanto tempo ci vuole, andrà meglio. Vai avanti. Le situazioni difficili alla fine ti renderanno più forte.

8. “Prometto di apprezzare e celebrare la mia vita.”
Troppe persone sopravvalutano quello che non sono e sottovalutano quello che sono. Non essere uno di loro. Prendi una boccata d’aria fresca. Il passato è dietro di te. Concentrati su ciò che puoi fare oggi, non su ciò che avresti potuto o dovuto fare ieri. Ricorda, per tutto quello che hai perso, hai guadagnato qualcos’altro. Apprezza quello che hai e chi sei oggi. La vita non deve essere perfetta per essere meravigliosa. Conta le tue benedizioni, non i tuoi problemi. Non costa nulla essere positivi, e cambia le cose per il meglio. I tuoi pensieri sono sotto il tuo controllo, quindi fanne buon uso per dare alle tue azioni e alla tua vita un potente vantaggio.

9. “Prometto di usare le mie capacità per fare la differenza.”

Il modo più comune con cui le persone danno via il loro potere è pensare che non ne abbiano alcuno. Non fare questo. Il mondo ha bisogno di te. In un mondo pieno di dubbi, è necessario il coraggio di sognare. In un mondo pieno di rabbia, è necessario il coraggio di perdonare. In un mondo pieno di odio, è necessario il coraggio di amare. In un mondo pieno di sfiducia, è necessario il coraggio di credere. E una volta che lo farai, ti accorgerai di avere quel potere che una volta pensavi ti mancasse.

10. “Prometto di dedicarmi alla mia crescita personale.”

Tutto ciò che vale la pena fare, vale la pena farlo bene. E l’eccellenza non è mai un caso. E’ il risultato di alta focalizzazione, sforzo concentrato, direzione intelligente, esecuzione abile, e la visione di vedere gli ostacoli come opportunità. E’ anche importante notare che l’eccellenza non può essere giudicata in termini assoluti, sulla base dei traguardi raggiunti o mancati, ma va valutata misurando la distanza percorsa dal punto in cui hai iniziato. Tutto sta nell’essere diligente e fare progressi – si tratti di un passo avanti o di una lezione imparata, giorno dopo giorno.
11. “Prometto di abbracciare i cambiamenti che so essere per me necessari.”
La vita è un gioco di equilibrio tra lo stare fermi e il lasciarsi andare – tra il rimanere fermo e l’andare avanti. Ci sforziamo di fare le scelte giuste, ma come facciamo a sapere quando è veramente il momento di dare una direzione diversa alle nostre vite? I segni non sono sempre facili da decifrare, ma ci sono e tu lo sai. Le relazioni, il lavoro, e anche le città in cui viviamo hanno una data di scadenza. A volte ci aggrappiamo a ciò che non funziona per paura che non saremo in grado di adattarci ai cambiamenti necessari. E così il risultato è sempre lo stesso: più dolore, frustrazione e rimpianti costanti. Cerca di essere più intelligente di tutto ciò. Abbraccia i cambiamenti che sai di aver bisogno di fare.

Imitare se stessi

 

 

Ognuno di noi è unico, irripetibile creazione del Divino. Pochi lo sanno e riescono a riconoscerlo. ecco perchè si è sempre scontenti di se e si cerca qualcosa allo scopo di migliorare, un aiuto esterno che ci renda diversi, migliori, più belli. Ciò non avverrà mai in quanto tutto ciò di cui abbiamo bisogno si trova al nostro interno, non viceversa.

Il non riconoscere la propria unicità è frutto dell’educazione ricevuta durante l’infanzia. Essa ci ha fatto credere che per essere delle “brave persone” bisogna soddisfare le altrui aspettative e, per ciò stesso, ci ha fatto credere di essere imperfetti e sbagliati. Da qui la nascita della falsa necessità di migliorarsi per soddisfare gli altri.

Tutto ciò ha creato una società di eterni insoddisfatti, di individui che guardano con invidia i patrimoni, le donne e, in generale, i successi altrui invece di lavorare su di se allo scopo di realizzarne di propri. IL SUCCESSO, INFATTI, PARTE DA UN’ACCETTAZIONE DI SE E DELLE PROPRIE POTENZIALITA’ E NON, COME CI HANNO FATTO CREDERE, DAL SEGUIRE LE ALTRUI STRADE CHE NON CI APPARTENGONO PROPRIO PER NULLA.
Con ciò non significa che non si possono prendere ad esempio persone di successo come stimolo per il raggiungimento dei propri obiettivi. Ciò non è sbagliato, anzi può costituire il trampolino di lancio, lo sblocco a tutte le nostre paure e la spinta verso la realizzazione di tutti gli obiettivi che ci stanno più a cuore.
Prendere ad esempio gli altri non significa perdere se stessi come punto di riferimento. Il successo altrui può essere preso come spunto per migliorare la nostra Vita in tutti i settori, siano essi finanziario, relazionale o sportivo. Basta non perdere di vista la propria identità.
Ognuno di noi, come ho avuto già modo di dire all’inizio di questo articolo, è unico ed irripetibile. Il processo educativo ci fa credere di essere sbagliati e, spesso, reprime le nostre reali potenzialità creative perchè NON SI CONFORMANO AGLI STANDARD RICHIESTI DA QUESTA SOCIETA’ DI AUTOMI CASTRATI A LIVELLO PSICOLOGICO ATTRAVERSO IL PROCESSO “EDUCATIVO”.
Occorre imitare se stessi per raggiungere l’eccellenza. Per imitazione di se intendo lo sviluppo delle proprie capacità creative UNICHE E SOLE ED IRRIPETIBILI! Nessuno è come noi, nessuno potrà mai esserlo. Per essere unici, però, occorre uscire dal gregge, smettendo di belare e facendo sentire la propria vera voce, sia essa un ruggito o un semplice grido di libertà.
Per vivere imitando se stessi, bisogna smettere di far contenti gli altri, fregandosene di ciò che potranno pensare di noi. DOPOTUTTO CAPITA SPESSO CHE LA GENTE SIA PORTATA A PARLARE ALLE SPALLE PER QUALSIASI AZIONE DA NOI COMPIUTA. TANTO VALE, A QUESTO PUNTO, FARE CIO’ CHE CI PIACE, SENZA DOVER PIU’ CONTENTARE ALTRI AL DI FUORI DI NOI. TANTO LE PERSONE PARLERANNO LO STESSO.
Cominciamo a lasciare il pensiero di testa iniziando, al contempo, ad ascoltare il nostro cuore. Esso è la nostra guida interiore, l’unico che sa ciò di cui abbiamo bisogno per essere realmente liberi e felici! Nessun altro lo sa! Abbandoniamo il pensiero di testa, smettiamo di pensare in maniera convenzionale e cristallizzata, usciamo dagli schemi, diventiamo dei novelli Giordano Bruno.
Solo così potremo cominciare ad imitare noi stessi e raggiungere la tanto agognata libertà a cui ogni essere umano mira potenzialmente ma che pochi riescono a raggiungere all’atto pratico. Se cominciamo a vedere gli ostacoli, rischieremo di fermarci in quanto gli avversari saranno tanti: la mente con le sue insidiose paure, gli amici, l’educazione, il partner, i genitori etc. 
Per sviluppare appieno le nostre potenzialità creative e poterle finalmente attivare allo scopo di raggiungere tutti gli obiettivi di successo nella nostra Vita, occorrerà fare pulizia sia dentro di noi, attraverso il costante lavoro su di se, che al nostro esterno, allontanando chi, lungi dal volere il nostro bene, è solo un parassita invidioso pronto a sabotare i nostri successi.
Non esitate, quindi, ad allontanare chi non vuole il vostro bene ma fa soltanto i suoi interessi dicendovi continuamente ciò che è giusto e ciò che è sbagliato per voi. Queste persone sono solo zavorre per il vostro processo evolutivo. Che siano poi parenti, amici o il vostro partner, poco importa. Siete chiamati ad operare una scelta: O VOI O LORO. 
Se sceglierete voi, scoprirete come l’aver eliminato alcune persone dalla vostra Vita, vi consentirà d’intessere rapporti con altre persone molto più interessanti e che potranno aiutarvi nella realizzazione dei vostri progetti. Se, invece, avete paura di rimanere isolati, in questo caso sappiate fin da adesso che rinuncerete alla libertà e all’evoluzione al solo scopo di soddisfare le altrui aspettative, tutto ciò in linea col copione educativo impartitovi dall’alto da persone che spesso, lungi dal volere il vostro bene, mirano solo al soddisfacimento dei propri interessi.