OSHO: I SEGRETI DEL TANTRA

20 MARZO 2016

Il sesso può essere fonte di una soddisfazione molto profonda e può rigettarti nella tua integrità, nel tuo essere autentico e naturale, per molte ragioni. Queste ragioni vanno comprese. Una è che il sesso è un’azione totale. Ti libera dalla mente, vieni privato dell’equilibrio. 
Ecco perché c’è tanta paura del sesso. Tu sei identificato con la mente, mentre il sesso è un atto di non-mente. Durante l’atto perdi la mente, perché in quel frangente, non possono esistere ragionamenti, processi mentali. In realtà, se vi fosse qualche processo mentale, non sarebbe un vero e autentico atto sessuale. A quel punto non ci sarebbero né orgasmo né appagamento. Lo stesso atto sessuale diventerebbe qualcosa di localizzato, di cerebrale.

La brama e la cupidigia sessuali tanto presenti in tutto il mondo non sono dovute al fatto che il mondo stesso sia diventato più sessuale ma al fatto che non sei più in grado di godere del sesso come di un atto totale. Il mondo era più sessuale in precedenza. Ecco perché non esisteva tanta brama di sesso. Questa brama dimostra che manca il reale, mentre è presente solo il falso. Tutta la mente moderna è diventata sessuale perché non esiste più l’atto sessuale in sé. Persino l’atto sessuale è stato trasferito nella mente, diventando qualcosa di mentale, qualcosa a cui pensi.

Alcune persone confessano di pensare in continuazione al sesso e si divertono a farlo, a leggerlo e vedere video pornografici. La cosa piace loro, ma quando arriva il momento del sesso autentico, improvvisamente avvertono una mancanza di interesse. Hanno addirittura la sensazione di essere diventate impotenti. Solo quando pensano, percepiscono l’energia vitale e se vogliono passare all’atto autentico sentono che non ci sono né energia né desiderio. Hanno la sensazione che il corpo sia diventato come morto.

Cosa sta succedendo a queste persone? L’atto sessuale è diventato mentale.

Il Tantra usa l’atto sessuale per renderti integro ma per fare ciò, lo devi attraversare in modo molto meditativo.

Il Tantra dice: “Cominciando l’atto sessuale, tieni l’attenzione sul fuoco sin dall’inizio e continua così, evitando la brace alla fine”. E questo fa tutta la differenza. Per te, l’atto sessuale è uno sfogo. 
Ecco perché, quando lo fai, hai fretta. Non desideri altro che uno sfogo. Una volta liberata l’energia in eccesso, ti sentirai a tuo agio. Questo benessere non è altro che una forma di debolezza. L’energia in eccesso crea tensione, eccitazione, hai la sensazione che qualcosa vada fatto e, quando l’energia viene liberata, ti senti indebolito. Potresti scambiare questa debolezza per rilassamento. 
Dato che non vi sono più né eccitazione né energia in eccesso, puoi rilassarti ma questo è un rilassamento negativo. Se riesci a rilassarti solo scaricando energia, la cosa ha un costo elevato. E questo rilassamento può essere solo fisico e non è in grado di andare in profondità, né di diventare spirituale.
OSHO

Rè Interiore: Testo tratto da “I segreti del tantra”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *