La nascita di un bambino

8 MARZO 2016

 
Appena il bimbo nasce, la prima cosa che il medico farà è di tenere il bambino a testa in giù, e di sculacciare il bambino, questo è il metodo tradizionale così che il bambino inizi a piangere; ma questo non è un grande benvenuto nel mondo: entrare nel mondo piangendo! 
E subito taglia il cordone che unisce il bimbo alla madre. Anche quello non è giusto; ma lui ha fretta. Ogni professionista ha fretta: ha molte altre cose da fare, ci sono altre mamme in attesa. Tutto l’ospedale è pieno di donne incinte, non può perdere tempo inutilmente. E la stanza è piena di luci sfolgoranti. E nessuno pensa che il bambino è stato per nove mesi nella totale oscurità: i suoi occhi sono molto delicati. 
Questa luce accecante può forse essere la causa di tutti gli occhiali che vedi nel mondo: gli occhi vengono danneggiati fin dall’inizio. Non lo consiglio… Gli amici dovrebbero pensare al bambino, al suo futuro, perché il primo passo è in pratica il passo più importante. Dovrebbe esserci solo lume di candela, non luci elettriche sfavillanti: non ce n’è bisogno! 
Si dovrebbe bruciare dell’incenso: il bambino andrebbe ricevuto con fiori, rose. E il bambino è vissuto nel grembo materno a una certa temperatura, fluttuando in un liquido che è identico all’acqua del mare. Appena nato, il bambino dovrebbe subito essere messo in una vasca alla stessa temperatura cui è abituato, con lo stesso tipo di acqua, gli stessi sali, che sono molto rilassanti. 
E non si dovrebbe avere fretta di tagliare il cordone, lasciate che il bambino inizi prima a respirare; e una volta che abbia iniziato a respirare si taglia il cordone. Attualmente succede che i medici taglino il cordone e poi devono tenere il bambino a testa in giù, sculacciarlo, così, per lo shock, inizia a respirare. Ma questo è trattare il bambino come una vecchia Ford che dovete spingere per mezzo miglio per farla partire. 
È stupido! Certo, si fa in fretta. Fa comodo al medico, ma non è di aiuto al bambino, perché non ha ancora cominciato a respirare da solo e voi gli avete tagliato il cordone. Gli avete creato una tale paura della morte che gli resterà dentro tutta la vita. Prima si aspetta – e non occorrono più di tre minuti perché il bambino cominci a respirare da solo. Quando comincia a respirare, allora tagliate il cordone, perché ormai non gli serve più e non gli creerà danno. 
Così non sarà mai pauroso come tanta gente lo è attualmente. Poi prendete il bambino e appoggiatelo sulla pancia della madre. È stato dentro la pancia, non allontanatelo troppo, così in fretta. Mettete il bambino sulla pancia, perché conosce solo un contatto, solo un calore, che è quello del corpo della madre. Ha familiarità solo con il corpo della madre, per cui lasciatelo riposare. 
Dopo un buon bagno, fatelo riposare sulla pancia della madre. Potete suonare la chitarra; potete cantare una bella canzone, niente di simile al jazz!… qualcosa di delicato, qualcosa di più simile alla musica orientale e al classico, che è calmante e che farà sentire il bambino a suo agio nel suo nuovo mondo. 
Osho

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *