Addormentati come fossi l’universo

4 GENNAIO 2016


Siedi in silenzio e medita sul fatto che non hai confini, i tuoi limiti sono i limiti dell’universo. Sentiti espandere e in questa sensazione includi ogni cosa: il sole sorge dentro di te, le stelle si muovono dentro di te, gli alberi crescono e i pianeti appaiono e scompaiono… in questo stato di consapevolezza espanso sentiti immensamente beato. Quella diventerà la tua meditazione. Quindi ogni volta che hai tempo e non hai nulla da fare, siedi semplicemente in silenzio e sentiti espanso. Lascia cadere i tuoi limiti. Trascendi ogni limite. 

All’inizio, per qualche giorno, sembrerà una follia, perché ci siamo troppo abituati ai nostri limiti. In realtà non ci sono confini. Il limite è un limite mentale. È tale perché noi crediamo che sia cosi.


Percepisci questa espansione oceanica il più spesso possibile e presto entrerai in sintonia. A quel punto basterà un piccolo mutamento di prospettiva per far apparire questa armonia. Ogni sera, quando vai a letto, addormentati con questa consapevolezza espansa. Addormentati come se le stelle muovessero dentro di te, come se il mondo apparisse e scomparisse dentro di te. 

Addormentati come fossi l’universo. Al mattino, non appena ti accorgi che il sonno se ne è andato, di nuovo ricorda questa espansione e alzati come fossi l’universo. E anche durante il giorno, ricordalo il più spesso possibile.

Osho

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *