La danza

12 DICEMBRE 2015


La meditazione non ha niente di serioso. La meditazione è gioco. Per questo io vi invito alla danza e al canto.
Quando il movimento diventa estatico, è danza. Quando il movimento è totalmente presente, al punto da annullare l’ego, allora è danza.

E dovreste sapere che la danza in origine era una tecnica di meditazione. All’inizio la danza non era un’espressione artistica, serviva per creare un’estasi in cui il ballerino si smarriva e restava solo la danza: nessun ego, nessun controllo, il corpo fluiva spontaneamente.

Non occorre trovare un’altra meditazione: quando chi danza si è perduto, la danza stessa diventa una meditazione. L’essenziale è perdere se stessi. Come lo fai, o dove, non ha importanza. Perditi semplicemente. Viene un momento in cui tu non sei più, eppure la danza continua… come se tu fossi posseduto.

La danza è una delle cose più belle che possano accadere a un uomo. Per cui non considerarla separata dalla meditazione. La meditazione in quanto tecnica separata serve solo alle persone che non hanno una profonda energia creativa; non hanno una direzione in cui coinvolgere la loro energia cosi profondamente da potersi perdere.

Ma un ballerino, un pittore, uno scultore, non hanno bisogno di altre meditazioni. A loro basta portare la dimensione del lavoro tanto in profondità da raggiungere il punto di trascendenza. E non c’è nulla di meglio della danza…

Per cui, almeno un’ora al giorno, scordati di ogni tecnica. Ricorda che stai semplicemente danzando per Dio. Non è necessario raggiungere una perfezione tecnica, perché Dio non è un critico. 

Danza semplicemente come un bambino… come se fosse una preghiera. E la danza avrà in sé una qualità assolutamente diversa. Per la prima volta sentirai di compiere passi che non hai mai fatto in passato; ti stai inoltrando in dimensioni prima sconosciute. Viaggerai su un terreno che ti è straniero, ignoto.

Pian piano entrerai sempre più in sintonia con l’ignoto e tutte le tecniche scompariranno. E senza tecniche, quando la danza è pura e semplice, è perfetta.
Danza come se fossi profondamente innamorato dell’universo, come se stessi danzando col tuo amato. Fai che Dio sia il tuo amato.

Osho

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *