Le smorfie

1 NOVEMBRE 2015

In molte delle meditazioni antiche si fa uso della mimica facciale. Puoi fare una meditazione: in Tibet è una delle tradizioni più antiche.

Prendi un grande specchio. Mettiti nudo davanti a lui e fai delle smorfie, improvvisa delle mosse comiche, e osserva. Il solo farle e stare a osservarle per 15-20 minuti ti lascerà stupito. Comincerai a sentire che sei separato dal tuo corpo. Se non ne sei separato come puoi fare tutte queste strane smorfie? Per cui il corpo è nelle tue mani, è un semplice strumento nelle tue mani. Puoi giocarci come vuoi.

Inventa nuove smorfie, nuove posizioni divertenti, e strane. Fai qualsiasi cosa se ti riesce e ne otterrai un profondo rilassamento; inizierai a non considerarti più un corpo né un volto, ma pura consapevolezza: ti aiuterà moltissimo.

La meditazione è la tua natura intrinseca, sei tu. È il tuo essere. Non ha nulla a che vedere con ciò che fai: non puoi possederla, non puoi non possederla, non può essere posseduta, non è un oggetto, sei tu, è il tuo essere.

Osho: Il libro arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *