Picchiare il cuscino

6 OTTOBRE 2015

 Risultati immagini per Picchiare il cuscino
Quando ti senti pieno di rabbia, non è necessario prendertela con qualcuno: sii semplicemente arrabbiato! Lascia che sia una meditazione. Chiudi la porta della tua stanza, siedi da solo e lascia uscire tutta la rabbia che hai in te. Se provi il desiderio di picchiare, picchia un cuscino.

Fai qualsiasi cosa ti senti: il cuscino non protesterà mai. Se vuoi uccidere il cuscino, prendi un coltello e uccidilo! È un aiuto, un aiuto straordinario. Non si può neppure immaginare quanto sia utile un cuscino. Picchialo, mordilo, sbattilo! Se sei in collera con una persona in particolare, scrivi il suo nome sul cuscino oppure incollaci sopra una fotografia.

Ti sentirai ridicolo, stupido, ma la rabbia è ridicola; non ci puoi far nulla. Per cui lascia che esploda e godila come un fenomeno di energia. È realmente un fenomeno di energia. Se non fai del male a nessuno, non c’è nulla di riprovevole. Praticando questa meditazione, vedrai che pian piano scomparirà l’idea di far del male a qualcuno. Fanne una pratica quotidiana: bastano venti minuti ogni mattina. E poi osservati per tutto il giorno. 
Sarai più calmo, perché avrai espulso l’energia che si trasforma in collera; l’energia che si tramuta in veleno sarà stata espulsa dal tuo sistema. Ripeti questa meditazione per due settimane come minimo, e dopo la prima settimana sarai sorpreso di scoprire che in qualsiasi situazione ti trovi, la rabbia non c’è più. Provaci!
Osho: Il libro arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *