Il Sistema degli Endocannabinoidi: Cannabis e Appetito

Semplicemente: Canapa
Di in Conoscere la Cannabis – 
Uno dei clichè più diffusi del consumo di cannabis è un appetito apparentemente insaziabile.
Il fenomeno , conosciuto da anni come “the munchies” , è talmente penetrato nella nostra cultura che anche chi non fa uso di cannabis conosce questo effetto; prima di poter spiegare  che cos’è che vi porta a mangiare tanto continuamente, ci sono alcune cose da sapere.
Prima di tutto cosa realmente è un cannabinoide e perché sono presenti nel nostro sistema anche se non si è mai fatto uso di cannabis.
I cannabinoidi sono diverse miscele chimiche che si trovano nel corpo umano e che funzionano come crossover tra alcuni recettori ed il Sistema Endocannabinoide ( ECS ) .
L’ECS regola processi nel corpo come l’assunzione di energia , il trasporto di nutrienti e la funzione magazzino del metabolismo ; prima di capire il ruolo della cannabis in tutto questo , si deve conoscere la funzione del Sistema Endocannabinoidale ECS .
Tre sono le parti importanti del sistema ; gli endocannabinoidi , i recettori che individuano la presenza dei cannabinoidi e due enzimi che aiutano la loro sintetizzazione e la degradazione.
Ci sono 3 tipi di di cannabinoidi conosciuti dagli scienziati ; gli endocannabinoidi ( che si trovano nel corpo umano ) , i fitocannabinoidi ( che si trovano in piante come la cannabis ) ed altri creati in laboratorio che chiameremo “cannabinoidi sintetici” .
Il cannabinoide più popolare  , è conosciuto con il nome di Tetraidrocannabinoide o THC, il fattore psicoattivo primario ; il Cannabinoide o CBD lo segue.

Considerando che ci sono già Endocannabinoidi prodotti dal corpo umano che funzionano da crossover per recettori di cannabinoidi , la assunzione di THC o CBD può servire a normalizzare eventuali deficenze di uno o dell’altro nel corpo umano .

“ Il CBD lavora sui recettori che abbiamo degli endocannabinoidi nei nostri corpi , i cannabinoidi endogeni che sono molto utili nelle funzioni immunitarie , funzioni nervose e per le ossa . “
Dichiarazione del Dr. Ethan Russo consulente della compagnia Inglese che produce lo spray orale conosciuto come SATIVEX.

C’è una tendenza nel denigrare qualcosa quando sembra utile per tutto , aggiunge il Dr. Ethan Russo , ma in questo caso ci sono le ragioni . Il Sistema endogeno Cannabinoide lavora come un fine crossover per molti sistemi ; e se per qualche motivo dovesse esistere una naturale deficienza in alcuni di essi , sostanze come il THC e il CBD possono riportare il corpo ad una situazione bilanciata .

La cosa più importante da capire è che i cannabinoidi sono miscele a base di grassi che innescano il prossimo passo nel Sistema Endocannabinoide – i recettori di cannabinoidi – che sono molto simili nella struttura ai cannabinoidi prodotti dalla cannabis .
I recettori di cannabinoidi sono divisi in 2 categorie principali , CB1 e CB2 , e si trovano nel cervello , nell’intestino e nel sistema immunitario .

Quando un ricettore di cannabinoidi è attivato dagli endocannabinoidi , aiutati dagli enzimi sopracitati , diverse funzioni fisiologiche in diversi sistemi del corpo vengono attivate , come la memoria , i dolori , l’umore ed un persistente appetito .

L’attività ECS nel sistema centrale nervoso controlla lo stimolo dell’ appetito ; questo è il perché del fatto che , anche se non abbiamo appetito, il nostro sistema nervoso manda segnali all’ippotalamo comunicando la nostra fame . L’ippotalamo è la parte del cervello che innesca la fame e che fa sapere al sistema limbico che sei pronto a mangiare.

Gli endocannabinoidi lavorano per rallentare il transito ed il processo di svuotamento dei liquidi gastrointestinali e sembra stimolino la secrezione di Ghrelin , un ormone che aumenta la fame ed il bisogno di mangiare .

Dopo aver mangiato il cervello riceve segnali di sazietà dall’intestino piccolo ( duodeno ) che riduce l’attività ECS dicendo al nostro corpo che abbiamo mangiato abbastanza .
Studi su donne con disturbi alimentari hanno rivelato la bassa presenza di endocannabinoidi nel corpo e di recettori di cannabinoidi ; l’uso nel trattamento di questi disturbi , come l’anoressia , ha dato risultati positivi .
Come quelli condotti su pazienti con cancro sottoposti a chemioterapia HIV o AIDS nei quali l’appetito era molto basso .

La ricerca sugli effetti dei cannabinoidi procede .

http://freeweed.it/sistema-endocannabinoidi-cannabis-appetito/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *